Come Scegliere Il Divano Più Comodo

Si può persino dire che sia mutato il modo di sedersi, grazie ad un atteggiamento casual e disteso, tutto mirato al relax. In quanto ad estetica e comfort, non hanno nulla da invidiare ai modelli tradizionali. Stiamo parlando dei divani trasformabili fissi o componibili, con materassi paragonabili a quelli dei normali letti, gli imbottiti trasformabili risolvono problemi di spazio offrendo il massimo della funzionalità. Il primo criterio di scelta è la frequenza di utilizzo del letto. Se è previsto un uso quotidiano o comunque abituale vanno considerati due fattori: praticità del meccanismo di apertura e comodità del materasso. Quest’ultimo deve avere uno spessore di 12-15 cm. Il supporto può essere in rete elettro-saldata, ideale con molti meccanismi, o a doghe anche telescopiche. Quando si trasforma spesso l’imbottito, un altro elemento di valutazione è la disponibilità di chiudere la struttura con il letto fatto. In genere si consiglia di lasciare solo il lenzuolo, per non sforzare il dispositivo interno.

Per vivere la zona relax della casa nel modo migliore, occorre dedicare il tempo necessario per valutare tutti gli aspetti estetici e pratici per scegliere poltrona, divano e pouf adeguati. Grazie alla vendita online, Abitare Arreda offre la possibilità di impreziosire il tuo spazio d’arredo con modelli di pouf e poltrone moderne che sono esempio della qualità Made in Italy.

Qual è il modo più confortevole per trascorrere qualche minuto di riposo dopo una giornata di lavoro? Dotarsi di una comoda poltrona relax.

Nello shop online sono disponibili modelli di poltrona elettrica per ogni esigenza. Da poltrone particolari come la poltrona relax girevole Spazio Relax Ginevra a 2 motori con struttura in legno rivestito da uno strato di poliuretano con meccanica in metallo e sistema di rotazione a 360 gradi. Oppure potrebbe fare al caso tuo la poltrona relax minimale Pagoda sempre firmata Spazio Relax, esempio di qualità e stile Made in Italy. Se invece preferisci una poltrona tradizionale e di design non puoi fare a meno di consultare la vasta gamma di modelli di poltrone moderne disponibili online. Se però hai la necessità di risparmiare ancora spazio potresti optare per un comodo pouf con fantasia colorata e vivace, oppure a tinta unica con un design minimale ma adatto per ogni necessità. Vieni a provare di persona la comodità di divani, poltrone e pouf. Passa e visitare il nostro negozio e accomodati sui nostri divani per prendere comodamente la decisione migliore, guidato dal nostro personale qualificato a tua disposizione. Se vivi in provincia di Brindisi non aspettare ancora. Passa a trovarci, ti aspettiamo!

  1. 17/01/2017 Greenery! è il colore dell’anno 2017
  2. 10 regole per una domenica pigra – L’ora del tè
  3. Divano in tessuto Angie
  4. Divano 2 posti:
divano relax

Esistono diverse soluzioni, a due o tre posti, con o senza chaise longue, come vedi il prezzo non è l’unica discriminante da tenere a mente per scegliere l’elemento più adatto. Non tralasciare anche un’altra importante misura da rilevare: il divano deve passare comodamente dalle porte di casa, in modo da essere portato dal negozio alla tua stanza senza dovere richiedere l’intervento di una costosa gru esterna!

La classifica dei migliori sofà si compone di diverse soluzioni che possiamo riassumere brevemente, confronta poi ogni singola recensione per scoprire nei dettagli come se la cavano i più performanti. A fisarmonica, a scomparsa, a ribalta, tanti sono i sistemi grazie a cui è possibile rimuovere gli ostacoli e offrire una base spaziosa e confortevole per il riposo. Nella foto Teide, sul divano di Susanna Canonico, educatore cinofilo ThinkDog, Centro Cinofilo Canis Ridens. Cosa significa essere connessi emotivamente? Scommetto che la maggior parte di voi lo capiranno al volo. Perché lo hanno vissuto. La prima cosa da fare è di fidarsi di quella https://www.newformsdesign.com (www.newformsdesign.com/arredamento/divani-moderni/) sensazione. La sensazione di essere uniti, collegati profondamente. Può trattarsi di empatia (sentirsi sentiti), o della grande fiducia che leggiamo negli occhi del nostro cane a proposito del fatto che qualsiasi cosa accadrà noi ci saremo sempre e comunque. Può trattarsi delle risate che ci facciamo mentre ci rincorriamo per gioco. O della “sincronia e similitudine” di movimenti che contraddistinguono le nostre interazioni. Cogliere nella vita di tutti i giorni le occasioni per connetterci emotivamente è uno dei modi più efficaci di instaurare una relazione felice. Ecco perché stare sul letto o sul divano a guardare la TV col nostro cane può essere addirittura raccomandabile. Dormire o riposare assieme è al contempo un momento che crea e richiede fiducia. Diventiamo rifugio l’uno per l’altro. Anche la ricerca scientifica dimostra come il contatto fisico affettivo con un cane migliori la pressione sanguigna e liberi sostanze benefiche nell’organismo.In commercio sono disponibili varie tipologie di materassi per divani letto. Eè realizzato in poliuretano espanso, una schiuma fredda di elevata densità, molto resistente. La caratteristica principale di questo materasso è quella di essere ortopedico e dunque in grado di garantire un riposo comodo anche sul divano. Molto richiesti dalla maggior parte dei consumatori, presentaNO numerose controindicazioni. Oltre ad essere poco traspirabili, sono anche poco consistenti per un divano letto e con il tempo soggetti a deformazione. Sono un’ottima alternativa a quelli in lattice, essendo ergonomici, traspirabili, consistenti e indeformabili. Questo tipo di materasso è indubbiamente il migliore per un divano letto, anche se rispetto agli altri è anche il più costoso. Sono molto resistenti, anallergici ed ergonomici, che garantiscono un riposo comodo, all’insegna del benessere. Se, però, decidete di acquistarlo, è buona norma accertarsi che il materasso per il vostro divano sia alto almeno 7 centimetri. Oltre queste tipologie è possibile scegliere anche tra materassi chiusi, sfoderabili, anallergici e antibatterici. Ma come scegliere il modello più indicato? In linea generale il materasso ideale per un divano letto deve essere pieghevole, e quindi presentare una rigidità media, confortevole, resistente, anallergico e sfoderabile. Detto ciò e come è stato già accennato, tra i vari materassi presenti in commercio, l’ideale è senza dubbio quello waterlily, perché ergonomico, resistente, consistente e indeformabile. Tuttavia questo tipo di materassi non sono sempre adatti a tutti i tipi di divano letto. Perché possiate usufruirne è necessario che il vostro divano porti un materasso alto almeno 5 centimetri, in caso contrario allora è necessario rivolgersi verso materassi in memory. Per comprendere qual è l’altezza giusta del materasso per il vostro divano letto basta semplicemente estrarre quello normalmente contenuto, chiudere la rete, misurare il gap e dividere tale misura per due.

Perché scegliere un divano letto matrimoniale? Comodo, pratico e versatile, il divano letto matrimoniale sarà da preferire ad uno singolo perché permetterà di ospitare senza stress un numero maggiore di ospiti. O magari vi siete appena trasferiti in un grande metropoli dove, si sa, i prezzi del mercato immobiliare sono alle stelle ma non per questo avete voluto rinunciare a vivere in centro. Talvolta, quando ci cimentiamo nell’impresa di scegliere dei nuovi mobili per la nostra casa, sembra di essere obbligati a scegliere tra estetica e praticità. Niente di più lontano dal vero, invece, con un divano letto matrimoniale! Eleganti in pelle o ecopelle, moderni in tessuto o microfibra, con rivestimenti sfoderabili e facilmente lavabili in lavatrice… i divani letto matrimoniali, infatti, portano nella vostra zona living un tocco di ricercatezza, coniugando in colpo solo raffinatezza e funzionalità! Solo su Dalani i più bei modelli di divano letto matrimoniale! Arredare un salotto con stile non è difficile grazie alle fantastiche proposte Dalani. Date un’occhiata alle pagine del nostro magazine e scoprite quali fantastiche ispirazioni abbiamo in serbo per voi! Sapevate che ogni giorno i nostri esperti di stili e tendenze selezionano amorevolmente per voi solo i più bei modelli di divano letto matrimoniale? Tra i prodotti delle nostre campagne tematiche potrete trovare tanti altri mobili e accessori per la casa con prezzi imbattibili e sconti fino al 70%! Distendetevi comodamente sul divano di casa vostra e iniziate la vostra esperienza Dalani: love your home!

Di più su https://www.newformsdesign.com sulla nostra home page.

Il miglior prezzo! Seggiolino auto gruppo 0+/1/2

Non c’ è dubbio che l’ arrivo di un bambino in famiglia è sempre una buona notizia che cambia la nostra vita, ma la parte meno buona arriva quando cominciamo a pensare a tutto ciò che abbiamo bisogno di comprare in modo che il nostro piccolo è sicuro e può seguire le nostre routine quotidiane senza problemi, dal momento che gli articoli per bambini non sono di solito soprattutto a buon mercato.

Uno di quei prodotti indispensabili che probabilmente hai già iniziato a guardare se sei appena stato un papà o stai per essere un papà è un passeggino a buon mercato e se può anche adattarsi alla crescita del nostro bambino, molto meglio.

Cerchiamo quindi una sedia fondamentalmente sicura che puoi utilizzare per un po’ di tempo e siamo arrivati fino a questo passeggino Brevi che abbiamo trovato su Miobimbo.it. Uno dei punti di forza di questa sedia è che può essere adattata per i gruppi 0+/1/2, il che significa che puoi usarla dalla nascita fino a circa 6 anni o, in altre parole, dalla nascita fino a 25 chili.

Per utilizzarlo come Gruppo 0+, il seggiolino auto deve essere installato nella direzione opposta di marcia, avendo sempre disattivato gli airbag e facendo uso del comodo riduttore incluso che aiuterà il bambino a viaggiare in tutta sicurezza fino a raggiungere i 9 chili circa. Nella fase successiva come gruppo 1, da 9 chili a 18 chili, dovrete andare nella direzione di marcia e potrete installarlo sia con il sistema Isofix che con le cinture del veicolo. Infine, quando il vostro bambino ha già bisogno di una sedia del gruppo 2, avrete anche due opzioni per installarla nella direzione di marcia.

Inoltre, la poltrona ha 4 posizioni reclinabili che variano a seconda del gruppo per cui è necessario utilizzarla, e sia il poggiatesta che l’ imbracatura possono essere regolati in base alla crescita del bambino.

Il prezzo ufficiale di vendita di questo Passeggino brevi è di 149 euro, ed è infatti il prezzo che si trova spesso online. Ma su miobimbo si può vedere ridotto a 109 euro.

Vi lascio con un video in modo che si può vedere come è installato in auto in diverse posizioni.

Cartucce per stampanti online: consigli per risparmiare sull’acquisto

La differenza tra toner e stampante

Prima di parlare di acquisti online, sarebbe utile fare una differenziazione tra che cosa sia una cartuccia e che cosa sia invece un toner – definizione essenziale per non comprare il prodotto sbagliato – ed è utile anche conoscere le specifiche della propria stampante.
Una cartuccia è di piccole dimensioni, è un serbatoio riempito di inchiostro liquido e viene usata per le stampanti cosiddette inkjet; di solito è destinata a stampanti per uso domestico.
Un toner è un contenitore al cui interno non è stato messo dell’inchiostro liquido – quindi non corre il rischio di seccarsi nel tempo – bensì ha dentro una polvere composta da particelle di carbonio, resina ed ossidi di ferro che si deposita sul foglio grazie ad un tamburo e viene fissata per mezzo di un riscaldatore. I toner sono presenti all’interno di stampanti laser per uso professionale e fotocopiatrici, articoli che di solito si trovano negli uffici.

Falsi miti sulle cartucce e sui toner compatibili: le cartucce ecofriendly
Online, negli e-commerce specializzati è possibile scegliere tra toner e cartucce compatibili per le stampanti e tra toner e cartucce originali, ottenendo in entrambi i casi dei prodotti di elevata qualità a prezzi estremamente vantaggiosi grazie ai coupon ed agli sconti che vengono praticati ai clienti. In tutti gli e-commerce del web vengono venduti sia cartucce che toner delle migliori marche, tra cui si segnalano Canon, Brother, Epson ed HP. Il risparmio è garantito sia che si acquistino prodotti di marca che si comprino prodotti compatibili – e nel secondo caso si può arrivare a spendere anche più del 40% in meno rispetto al prodotto di marca, ottenendo comunque un articolo di elevata qualità. Sarebbe opportuno sfatare, in questa sede, alcuni miti che vogliono che il prodotto compatibile sia di scarsa qualità, sia dannoso per la stampante o si secchi più rapidamente di quello originale: tutto ciò non è vero, le cartucce ed i toner compatibili sono rigorosamente testati e prodotti per non rovinare le stampanti e per offrire prodotti con elevati standard qualitativi a prezzo inferiore. Quello che non si paga, insomma, è il “nome”, il brand famoso. È richiesta al cliente solo una piccola accortezza in più rispetto al prodotto originale: è indispensabile leggere correttamente sia l’etichetta del toner/della cartuccia compatibile che quella della stampante vera e propria: deve andar bene non solo il serbatoio ma anche il tipo di pigmentazione.

Una nota importante sulle cartucce compatibili per le stampanti. Esse sono in due versioni: standard e high quality – la maggior parte dei siti di e-commerce indica chiaramente la differenza. Quando si procede all’acquisto non è sempre vantaggioso orientarsi sul prezzo più basso: bisogna mettere in relazione il prezzo finale con il numero di copie che la cartuccia promette di stampare – il numero è verificabile nella scheda tecnica del prodotto. Ci si potrà accorgere di come il risparmio effettivo si ottenga, nella maggioranza dei casi, acquistando una cartuccia ad alta qualità. Difatti si può beneficiare di un 10-15% in più di capacità di stampa che, nel caso di acquisto di confezioni multiple, sale addirittura al 40%.
Esiste un’altra soluzione che permette un notevole risparmio laddove non sia possibile acquistare una cartuccia compatibile: si tratta della cartuccia eco friendly.

Sicurezza, comodità e praticità degli acquisti online
Gli acquisti online sono sicuri e garantiti, offrono un’assistenza online oppure telefonica grazie alla quale è possibile comprare il prodotto giusto, la consegna avviene di solito entro 24 o al massimo 48 ore, se si raggiunge una soglia minima di spesa essa è gratuita e infine i siti di e-commerce accettano moltissime modalità di pagamento, tra cui anche Paypal e bonifici.
Visto che le cartucce o i toner vanno cambiati piuttosto di frequente, soprattutto nel caso degli uffici, è una buona cosa fare scorta quando si trova un’offerta assai conveniente e vantaggiosa: così non si rischia di rimanere senza e di dover procedere ad acquisti rapidi spesso accontentandosi di una gamma di opportunità non così ampia come quella di cui si può beneficiare agendo per tempo.
Due delle domande che si pone più frequentemente una persona che si accinga a fare l’acquisto di un toner o di una stampante – originale oppure compatibile – via web sono: l’assistenza post vendita sarà davvero efficiente? Risparmierò sul serio senza perdere in qualità? La risposta ad entrambe le questioni è sì: è reale e l’assistenza post vendita sarà efficiente? La risposta è sì: gli e-commerce garantiscono prodotti affidabili e di qualità con un risparmio reale sia nel caso degli originali che nel caso dei compatibili ed offrono eccellenti servizi di assistenza post vendita.
Acquistare online non è solo vantaggioso dal punto di vista economico grazie ai prezzi inferiori ed agli sconti che possono venir applicati soprattutto perché gli e-store hanno meno costi di gestione, hanno un target di clientela più ampio (potenzialmente un’intera regione o addirittura tutta Italia) e non si avvalgono di intermediari – tre fattori che fanno lievitare inevitabilmente i prezzi, è vantaggioso anche da un punto di vista pratico: si possono paragonare facilmente i prezzi di vari prodotti e vari marchi; i magazzini sono sempre ben forniti e la gamma di prodotti è sempre più ampia rispetto a quella di uno store tradizionale – comprendente anche le migliori marche, come Canon, Brother, Epson ed HP; si può acquistare quando si vuole senza doversi recare in orari specifici nel negozio e si può ottenere assistenza online sia al telefono che da remoto in maniera rapida, efficiente ed efficace. Infine, non bisogna dimenticare il vantaggio di ricevere direttamente a casa propria o in ufficio il prodotto, dopo al massimo 48 ore dall’ordine.

Benessere news Il defibrillatore salva 9 persone su 10

I defibrillatori automatici esterni, obbligatori in tutti i luoghi dove si fa sport, salvano più di 9 persone su 10 in caso di arresto cardiaco. Se il centro sportivo non ha questo dispositivo, sopravvive senza conseguenze neurologiche meno di una persona su 10.

Lo provano i dati raccolti in 18 anni dal progetto Vita, condotto nella provincia di Piacenza. Il defibrillatore riduce il tempo di intervento da sette a tre minuti, aumentando le chance di sopravvivenza. Lo strumento è sicuro anche usato da persone del pubblico, non addestrate.

Benessere news Pasta bio Alce Nero: il sole in tavola

La pasta Alce Nero è 100% italiana

Prodotta da spighe coltivate con metodo biologico, anche con grani speciali, come il farro e il grano Senatore Cappelli, attraverso lavorazioni attente e sapienti, dalla coltivazione fino al confezionamento, perché per ottenere un prodotto pregiato ogni momento della lavorazione è cruciale. “Abbiamo investito in tecnologia, ma soprattutto abbiamo incontrato gli agricoltori per valorizzare il loro lavoro con il nostro”, spiega Riccardo Felicetti, pastaio.

alcenero.com

Tutto comincia dai campi, con il lavoro paziente degli agricoltori per ottenere un raccolto pregiato. Nessun trattamento chimico, per eliminare le piante infestanti sul nascere, è sufficiente una strigliatura delicata, che muove solo il primo centimetro del terreno. Per nutrirlo e arricchirlo, solo concime organico o interramento (sovescio) di leguminose e rotazioni con coltivazioni di fava, pisello o lenticchia. L’aratura viene fatta subito dopo il raccolto e ripetuta più volte fino al momento della nuova semina, durante l’inverno.

alcenero.com

alcenero.com

Una volta al mulino, viene effettuata una selezione ottica dei chicci, esaminati a uno a uno per scegliere solo quelli perfetti. La decorticazione avviene in più passaggi, a seconda che si voglia ottenere una semola integrale o meno. Si ricorre a macchinari ad alta tecnologia: le semole ottenute conservano così le caratteristiche originali dei chicchi da cui derivano.

alcenero.com

alcenero.com

La semola setacciata viene poi impastata con acqua di sorgente che sgorga a 2000 metri sul Latemar. L’impasto viene quindi pressato nelle trafile, che lo modellano nelle diverse forme, per poi essere messo a essiccare fino a raggiungere un’umidità inferiore al 12%, in modo che possa conservarsi a lungo. “Perché abbia caratteristiche organolettiche, di tenuta in cottura e di gusto uniche, la pasta va essiccata in modo attento”, racconta Paolo Felicetti, Mastro pastaio.

Benessere news Cibo biologico: ecco perché ora è alla portata di tutti

I consumi di prodotti bio in Italia sono in continua crescita da oltre un decennio. Ma negli ultimi anni l’incremento più significativo delle vendite è avvenuto nella grande distribuzione, tra supermercati e discount, che nel 2015 hanno superato i negozi specializzati (873 milioni di euro contro 862), distaccandoli poi nel 2016 (1.191 milioni di euro contro 892).

Schermata 2017-10-31 alle 23.27.41Sono solo alcuni dei dati pubblicati sul Focus Bio Bank – Supermercati & Specializzati 2017.
Le catene della grande distribuzione, in particolare negli ultimi quattro anni, hanno scommesso sempre più sul bio, forti della crescente richiesta dei consumatori. Secondo i rilevamenti Bio Bank, effettuati dal 2001 al 2016, quelle con una propria marca bio sono passate da 9 a 22, le referenze da 644 a 2.857. Attualmente, sono leader per numero di referenze Coop, Esselunga e Carrefour, che sono state anche tra le prime ad aprirsi al bio. I negozi specializzati, censiti da Bio Bank nel 2016, sono 1.423, in aumento del 12% negli ultimi quattro anni. Le regioni con il maggior numero di negozi sono Lombardia, Veneto e Piemonte, le provincie leader Roma, Milano, Torino, Bolzano e Vicenza.

Getty Images

Getty Images

Il motivo del successo del bio nelle grandi catene distributive sembra chiaro: un giusto rapporto qualità-prezzo, quindi alla portata di tutti. Ma è davvero così?
«Sì, il biologico oggi è davvero alla portata di tutti – conferma Rosa Maria Bertino, co-fondatrice di Bio Bank – è diventato democratico. Si trova ovunque e si trova anche a prezzi molto convenienti. Ma ovviamente non è tutto uguale. Per molte aziende è solo un modo per diversificare l’offerta, per altre una scelta di qualità, per le aziende storiche del settore è un valore che chiama altri valori: ambientali, etici e sociali. Quindi, solo per fare un esempio, posso acquistare pasta bio oppure pasta bio prodotta con un antico grano siciliano o ancora pasta bio prodotta con un antico grano siciliano e pizzo free. È sempre pasta bio, ma non è la stessa pasta!».

Getty Images

Getty Images

Vale la pena ricordare, specialmente a chi si è avvicinato al bio solo negli ultimi anni, che se il primo test per introdurre l’ortofrutta bio nei supermercati risale al 1993 (la Coop, in due supermercati in Veneto), i veri pionieri del bio sono stati i primi piccoli negozi apparsi in varie città italiane a metà degli anni Settanta (il primo è stato il Girasole, aperto a Milano nel 1974). Allora queste piccole, illuminate realtà erano di fatto il canale esclusivo per la promozione, la diffusione e la vendita dei prodotti biologici. Pochi, selezionati prodotti di base, in realtà spartane e un po’ alternative. Nelle quali si faceva anche promozione del metodo biologico e della filosofia che ne è alla base. La prima catena italiana di supermercati bio è stata NaturaSì, con l’apertura nel 1993 del negozio di Verona.

Getty Images

Getty Images

Oggi gli specializzati del bio sono negozi sempre più grandi e accoglienti, spesso abbinati al bistrot o al ristorante. E sul totale prevalgono quelli che percorrono la strada dell’aggregazione (62%): dai NaturaSì ai Cuorebio, dal circuito Grandi Marche Bio ai negozi Biobottega, Piacere Terra e Biosapori fino ai più recenti Bio c’ Bon e NaturPlus.
Di certo non hanno più l’esclusiva del bio e difficilmente possono offrire prezzi concorrenziali rispetto a supermercati e discount, ma dalla loro hanno l’ampiezza dell’assortimento (dalle 1.000 alle 4.000 referenze) e la capacità di spiegare, informare e consigliare.

Quale futuro, quindi, per i negozi di alimenti biologici?
«In un mercato dove l’offerta del bio è sempre più orizzontale – conclude Rosa Maria Bertino – i negozi specializzati hanno le chiavi per renderla verticale: conoscenza del settore, gamma imbattibile anche nel fresco (ortofrutta, gastronomia, panetteria), sinergia con produttori, storie e valori, integrazione con altre attività (ristorazione, benessere naturale, cultura), servizi (e-commerce) e consulenza personalizzata».

Fresh organic fruit and vegetables

Getty Images

L’articolo Cibo biologico: ecco perché ora è alla portata di tutti sembra essere il primo su WWW.TRENDFASHION.IT

Benessere news Se usi male gli antibiotici…

Usare troppo (e a sproposito) gli antibiotici fa male anche all’ambiente. Pure se le concentrazioni sono bassissime: lo hanno dimostrato Paola Grenni, Valeria Ancona e Anna Barra Caracciolo dell’Istituto di Ricerca delle Acque del Consiglio Nazionale delle Ricerche, spiegando come l’organismo metabolizzi solo in parte questi farmaci.

 

Quelli che eliminiamo come tali vanno a inquinare acqua e suolo, perché i sistemi di filtraggio degli scarichi non sono pensati per depurarli dai medicinali. «Nell’ambiente, gli antibiotici possono alterare le popolazioni dei microbi con un ruolo nel ciclo dei nutrienti, nella decomposizione dei pesticidi, nella regolazione del clima» spiega Grenni. «Le conseguenze a lungo termine potrebbero essere serie per l’ecosistema e per l’uomo: dobbiamo perciò usarli solo se necessario e smaltire quelli scaduti in modo adeguato». L’utilizzo accorto è anche il pilastro del decalogo per il corretto uso degli antibiotici stilato dal GISA (Gruppo Italiano Stewardship Antimicrobica) per ridurre le resistenze batteriche, altro effetto noto dell’abuso di questi farmaci. «L’Italia è fra i Paesi europei con la più elevata resistenza, ogni anno da 4500 a 7000 persone muoiono per infezioni resistenti agli antibiotici» sottolinea Francesco Menichetti, presidente GISA. «La soluzione? Evitare il fai da te e usare sempre il farmaco più adatto per il minor tempo possibile».

L’articolo Se usi male gli antibiotici… poi te li ritrovi in tavola sembra essere il primo su WWW.TRENDFASHION.IT

Benessere news Sport all’aria aperta anche d’inverno

Sport all’aria aperta in inverno.

Di corsa, in bicicletta, a piedi con i bastoncini da nordic walking, ma anche sugli sci da fondo o da discesa oppure utilizzando le ciaspole per un’escursione tra i boschi imbiancati dalla neve. Sono in molti a praticare attività fisica anche nei mesi invernali. Ma non sempre fare sport all’aria aperta fa bene nei mesi più freddi. Le condizioni atmosferiche e l’inquinamento infatti possono influire in modo negativo sulle performance. Ragion per cui occorre prendere specifiche precauzioni per ottenere i benefici sperati. Per questo abbiamo chiesto consiglio a Silvano Busin, fisiatra e responsabile scientifico di Issa Europe, International Sport Sciences Association, il marchio più conosciuto al mondo per la certificazione di Personal Trainer con oltre 12mila professionisti. Ecco quindi le dieci regole da seguire per fare attività fisica all’aperto:
1. Visita medica. Prima di praticare qualsiasi tipo di attività fisica, anche se non a livello agonistico, è bene rivolgersi ad un medico sportivo per avere il suo benestare. In inverno, ma non solo.

2. Abbigliamento. Fare sport all’aria aperta necessita un abbigliamento adeguato. L’ideale è vestirsi a strati. Con capi caldi e traspiranti (meglio se in microfibra) per permettere al sudore di uscire e non far entrare il freddo.

3. Mani, testa, naso, orecchie vanno protetti dal freddo in modo adeguato. Indossare quindi: guanti e cappello, mettere della crema protettiva sul volto (senza dimenticare naso e orecchie). Gli occhiali da sole sono obbligatori in caso di attività sulla neve per evitare i danni dal riverbero della luce.

Con le ciaspole sulla neve. Occorre coprire bene la testa, le mani, il viso ocn la crema e gli occhi con gli occhiali.

4. Calzature. Scegliere scarpe tecniche a seconda dello sport e del terreno. In genere queste, se impiegate nei mesi invernali, e quindi anche in presenza di fango o pioggia, devono essere più rinforzate, robuste e calde. Pur mantenendo inalterate le caratteristiche di flessibilità e ammortizzazione.

5. Riscaldamento. Prima di cominciare l’allenamento è opportuno riscaldare la muscolatura perché il freddo aumenta i rischi di contratture, strappi, etc. Eseguire quindi qualche minuto di camminata lenta, corsa sul posto, corsa leggera, pedalata a ritmo lento. Per riscaldare muscoli e articolazioni, nel caso di attività sciistica, fare esercizi ad hoc sul posto e quindi incominciare a sciare a ritmo lento.

6. Inquinamento. L’attività fisica, in genere, fa sempre bene, ma ci sono delle limitazioni. Poiché aumenta il ritmo ventilatorio e quindi si inspira più aria, l’ideale è praticare lontano dalle zone inquinate, dai grandi centri abitati, ma non solo. La contaminazione di suolo, acqua e aria riguarda anche aree meno densamente popolate in molte zone d’Italia.

 

Foto Getty images

Foto Getty images

7. Nebbia. Quando viene fatta attività sportiva (a livello elevato) in presenza di nebbia aumenta il rischio di asma da sforzo. Il motivo? Inspiriamo aria fredda con microgoccioline di acqua e questo “aerosol” non fa bene a livello bronchiale. Sia in soggetti con asma conclamata. Sia in soggetti che non ne abbiano mai sofferto. Evitare quindi la pratica sportiva con la nebbia.

8. Temperatura. Evitare di fare sport con temperature estremamente rigide sotto o intorno allo zero. A meno di respirare con il naso perché l’aria introdotta viene così riscaldata. In genere però si tende dopo poco tempo a respirare con la bocca introducendo aria fredda. E questo, nei soggetti non più giovani e non in perfetta salute così come per i fumatori, può essere fonte di rischio.

9. Alimentazione. È importante alimentarsi con cibi più calorici e quindi osservare una dieta con più carboidrati. Anche la reidratazione è importante. Sia durante l’attività (bere un bicchiere d’acqua non fredda rispettando un intervallo di almeno 20 minuti tra una bevuta e l’altra per favorire lo svuotamento gastrico) che al termine. Evitare assolutamente di bere bevande alcoliche poiché l’alcol crea una vasodilatazione temporanea provocando la dispersione del calore.

Stretching. Foto Getty Images

Stretching. Foto Getty Images

10. Defaticamento e stretching. Vanno eseguiti esercizi ad hoc a fine allenamento quando la muscolatura è ben riscaldata per favorire l’equilibrio circolatorio. Durante l’esercizio fisico ad elevata intensità quasi il 75 per cento del sangue viene infatti “sequestrato” dai muscoli e quindi bisogna farlo ritornare agli organi interni. Attenzione però a rimanere sempre in movimento: un brusco raffreddamento quando si è sudati può determinare un’alta probabilità di contrarre una sindrome da raffreddamento

Vai alla Gallery fotografica

L’articolo Sport all’aria aperta anche d’inverno? 10 regole da seguire sembra essere il primo su WWW.TRENDFASHION.IT

Benessere news Cibo biologico e salute dei bambini

Chi sceglie il biologico lo fa per motivi di salute

Perché risponde alle crescenti esigenze di sicurezza e qualità e, al tempo stesso, di sostenibilità ambientale e tutela della biodiversità.

L’epigenetica studia le modificazioni del DNA che possono essere determinate da fattori ambientali (esposizione a pesticidi o sostanze inquinanti), stile di vita (stress, esercizio fisico) e dieta, “programmando” così lo sviluppo futuro dell’individuo e il suo stato di salute. Per il benessere di tutta la famiglia, è importante orientarsi verso una dieta il più possibile varia, equilibrata e completa e che preveda cibo tracciabile, fresco e biologico. Gli alimenti biologici, infatti, consentono di controllare l’apporto di xenobiotici, cioè sostanze estranee all’organismo e dannose, come pesticidi, metalli pesanti e solventi.

Ampiamente usati nell’agricoltura convenzionale, i pesticidi sono presenti nell’aria, nei terreni, e nelle falde acquifere e ci espongono costantemente a piccole quantità di residui tossici, aumentando il rischio di tumori, patologie tiroidee, malattie neuro-degenerative e allergie di vario genere. I più vulnerabili sono i bambini e le donne.

Sergio Bernasconi, Professore Ordinario di Pediatria già Direttore Cliniche Pediatriche Università di Modena e Reggio Emilia e di Parma.

Sergio Bernasconi, Professore Ordinario di Pediatria già Direttore Cliniche Pediatriche Università di Modena e Reggio Emilia e di Parma.

Alcuni pesticidi sono interferenti endocrini riconosciuti, cioè sostanze che alterano la corretta funzione degli ormoni umani e possono avere effetti, anche importanti, sul metabolismo ormonale. «L’aria che respiriamo, l’acqua che beviamo e i cibi che ogni giorno mangiamo, sono oggi possibile veicolo di sostanze tossiche che, se assunte in certi periodi della vita, possono alterare l’omeostasi endocrina», spiega Sergio Bernasconi, Professore Ordinario di Pediatria già Direttore Cliniche Pediatriche Università di Modena e Reggio Emilia e di Parma.
Gli interferenti endocrini sono sostanze ampiamente diffuse, che possono raggiungere l’organismo per contatto cutaneo (prodotti per l’igiene domestica e personale, giocattoli, vernici, contenitori o oggetti di plastica), per ingestione (residui di pesticidi nei cibi) e per inalazione (fumi da inceneritori).
«A oggi non è stato possibile arrivare a conclusioni definitive (basate su ricerche metodologicamente ineccepibili) riguardo i loro effetti sulla salute, anche se non si possono certo ignorare le crescenti evidenze epidemiologiche, sperimentali e cliniche», sottolinea il professor Bernasconi. È necessario intensificare le ricerche, così da giungere a una normativa ampiamente condivisa nel più breve tempo possibile. Gli effetti negativi degli interferenti endocrini vanno dal danno prenatale nella fase critica di sviluppo del sistema nervoso centrale, con possibili alterazioni a livello cognitivo e/o comportamentale, all’obesità e diabete di tipo 2. Numerose evidenze scientifiche li considerano poi tra i fattori che determinano la diminuzione di numero di spermatozoi (e quindi l’aumento di sterilità), le anomalie di sviluppo dei genitali esterni maschili e, nelle bambine, il più precoce sviluppo del seno (telarca).

Nel frattempo, alcune società scientifiche raccomandano di attenersi al principio di precauzione, specialmente quando si parla di gravidanza, infanzia e adolescenza, quando il sistema ormonale è più attivo. Iniziando dalle cose semplici, ma di certo utili: usare contenitori di vetro e non di plastica per cibi e bevande, scegliere tessuti non trattati come ignifughi, preferire alimenti sicuramente biologici.

Getty Images

Getty Images

L’ideale sarebbe avvicinarsi a un’alimentazione biologica già prima del concepimento. I contaminanti assunti prima o durante la gravidanza, infatti, possono accumularsi e passare al feto per via transplacentare, mettendo a rischio la sua salute. Non solo: potrebbero colpirne le cellule riproduttive, cioè le cellule germinali, causando così danni transgenerazionali. Sono anche in grado di passare attraverso il latte materno, motivo per cui la neomamma deve continuare a curare la sua alimentazione anche dopo il parto.
Il biologico diventa così un percorso che dura nel tempo e che coinvolge tutta la famiglia per accompagnare la crescita dei bambini dallo svezzamento in poi.

L’articolo Cibo biologico e salute dei bambini: tutti i buoni motivi per sceglierlo sembra essere il primo su WWW.TRENDFASHION.IT

I migliori aspirapolvere in vendita nel 2017

Classifica Top migliori aspirapolvere senza sacchetti del 2017

Vantaggi dell’ acquisto di un aspirapolvere senza sacchetti:

Gli aspirapolvere senza sacco hanno un contenitore di plastica trasparente e resistente che cattura lo sporco e la polvere. Quando il contenitore è pieno, è sufficiente rimuovere il coperchio superiore o inferiore per scaricare lo sporco nel cestino. Questi i vantaggi: Continua a leggere